5 regole (+1) per una START UP DI SUCCESSO

FB_STARTUP_600_223

Nonostante sia passato più di un anno dalla prima volta che abbiamo sentito parlare di Start Up su questo sito l’argomento non è assolutamente esaurito.

Da una ricerca su “Start Up le regole vincenti” ecco a voi le 5 regole per una start up di successo, ad elencarle è Robert (Bob) Dorf in un interessante articolo su Linkedin che il sito Meet the Media Guru traduce e ci riporta fedelmente.

Le regole d’oro per una start up di successo sono:

1) Pensa in grande impiega il tuo tempo per migliorare, fare pivoting e ripetere la tua idea. Solo così potrai evitare di fare una startup noiosa e senza successo.

2) Sii onesto crea un business plan plausibile per acquisire più clienti

3) Non accontentarti mai non ti fermare solo ai feedback positivi, ma trova stimoli per migliore sempre la tua offerta.

4) Il team perfetto ogni start up deve essere composta da una persona addetta ai clienti, uno sviluppatore dedito al prodotto ed un persona che faccia da tramite fra i due e che lavori sull’usabilità e lo scambio di informazioni.

5) Evita troppi cambi di direzione meglio prendersi il tempo necessario e, soprattutto, accumulare una buona quantità di feedback da parte degli utenti.

Queste le regole che servono per essere una delle (poche) start up di successo fra migliaia.

Noi di Business Center Parma ci permettiamo di aggiungerne una a quelle indicate da Dorf

6) Dai spazio alle tue Idee organizzando la tua agenda, ottimizzando i tuoi incontri e presentando in modo giusto le tue idee, così darai la possibilità ai clienti di ripagarti con feedback positivi. Per chi è alle prese con una start up in continua evoluzione la soluzione di un “temporary office” è senza dubbio la più congeniale.

Con il Pacchetto Start Up, infatti, abbiamo studiato servizi adatti a chi ha un lavoro dinamico che debba tener conto sia di un’agenda in continua evoluzione sia della necessità di avere strutture dinamiche che possano accogliere il cliente per meeting a qualsiasi ora e che abbiano supporti tecnologici in grado di supportare video conferenze o programmi di elaborazione dati.